silviapillin@gmail.com

qual è il miglior corso da seguire per chi vuole scrivere narrativa (per bambini e ragazzi) ?

Ci sono decine e decine di corsi di scrittura, online e in presenza, organizzati da realtà più o meno conosciute e strutturate e tenuti da scrittori più o meno di successo.

Come scegliere un corso di scrittura e in particolare un corso di scrittura di libri per bambini e ragazzi?

Frequento corsi e laboratori di scrittura da quando avevo vent’anni (adesso ne ho 40), e non ho mai smesso. Nel tempo mi sono fatta un’idea di quali siano le caratteristiche di un buon corso e dei principali errori di valutazione che commette chi ci si iscrive.

Premesso che non ho frequentato tutti i corsi di scrittura in circolazione, ecco 4 miti da sfatare prima di decidere quale fa per noi.


1. corso o laboratorio non fa differenza. …

5 consigli per vincere il premio Battello a Vapore

È appena uscito il bando della ventesima edizione del premio Battello a Vapore. Se scrivi per ragazzi è sicuramente un’ottima opportunità per metterti alla prova e farti notare da un editore molto importante (Piemme). La partecipazione è gratuita e si vincono anche dei bei soldini (a titolo di anticipo sui diritti), che non guasta mai. Ma come fare a vincere? Ecco cinque consigli che aumenteranno le tue chance di inviare un buon testo che si faccia notare per i giusti motivi

dove trovare nuove idee per il tuo prossimo libro per bambini e ragazzi

idee

Ci sono autori che hanno tantissime idee, così tante che non sanno quale sviluppare per prima, e altri che hanno sempre l’impressione, dopo aver inventato una storia, che non saranno mai più in grado di scrivere nient’altro.
Io cado sicuramente in questa seconda categoria. Al termine della stesura di ogni storia ho sempre l’impressione di non avere nient’altro da scrivere. E ogni volta, magicamente, nuove idee arrivano sempre. Ecco dove puoi cercarle anche tu:

* nei libri, nei film, nelle serie tv: tutte le storie di cui siamo fruitori hanno in sé temi, elementi, personaggi che a volte, per motivi spesso inconsci, ci colpiscono. Un finale deludente, la caratteristica di un personaggio, un colpo di scena possono diventare il seme da cui far nascere una storia completamente diversa ma nostra. Fai una lista di frammenti di storie che ti sono rimasti impressi e cerca di trovare dei collegamenti, dei punti di contatto. Rielaborare, immaginare, accostare elementi apparentemente lontani tra loro è il modo migliore per far lavorare l’immaginazione e produrre nuove idee.

quanto è lungo un libro per bambini/ragazzi?

lunghezza

Quando si parla di “libri per bambini” o “libri per ragazzi” si abbraccia una fascia d’età che va da 0 a 14 anni.
Ovviamente le competenze linguistiche nell’arco di quegli anni cruciali aumentano moltissimo. Per facilitare e orientare l’acquisto solitamente i libri si dividono in questo modo:

ALBI ILLUSTRATI: sono libri di grande formato, molto illustrati e con poco testo (300-500 parole/ 1800-3000 caratteri spazi inclusi) destinati a essere letti ad alta voce da un adulto a bambini in età prescolare (fino a 4-5 anni). Le storie e le parole usate per raccontarle sono semplici e molta parte della narrazione viene veicolata dalle immagini che completano e mostrano la storia. I protagonisti di queste storie sono spesso animali o bambini dell’età del piccolo lettore.

scrivere per bambini e ragazzi: corsi, manuali, concorsi, riviste, profili instagram…

Credo da sempre nello studio, nella possibilità di imparare a fare le cose. Il talento conta poco se non viene allenato con costanza.

corsi sullo scrivere per ragazzi: queste scuole attivano un corso sullo scrivere per ragazzi almeno una volta l’anno. Visita i siti per scoprire le date, i costi, le modalità di partecipazione. Al momento sono quasi tutti corsi online

belville (danno anche l’opportunità di vincere una borsa di studio e frequentare il corso gratis)
scuola holden
langue&parole
scuola del libro
testefiorite
writing for children (corso gratuito su coursera)

5 cose che devi sapere prima di inviare un manoscritto

  1. gli autori non guardano i cataloghi e inviano a caso: non è raro trovare nella sezione dedicata all’invio di proposte la richiesta da parte dell’editore di guardare cosa pubblicano. Alcuni scrivono chiaramente “pubblichiamo solo albi illustrati”. Oppure “accettiamo solo proposte di saggistica”. “Non pubblichiamo narrativa, quindi se hai scritto un romanzo, non siamo l’editore giusto per te”.

50 editori di libri per bambini e ragazzi (cui inviare un manoscritto)

Qui di seguito trovi un elenco di oltre 50 case editrici che pubblicano libri per bambini e ragazzi e che solitamente accettano proposte editoriali.
Non è una lista esaustiva e non è un invito a mandare indiscriminatamente il tuo testo a tutti gli editori. Il consiglio è sempre quello di selezionare, sfogliare i cataloghi, scegliere con cura una manciata di editori in linea con il progetto che vuoi presentare.
In questo post ho elencato 10 cose da non fare quanto invii un manoscritto.
Ho riportato il link alla sezione in cui si trova l’indirizzo per inviare le proprie proposte e non direttamente l’email perché la maggior parte degli editori dà delle linee guida rispetto ai tempi di risposta e al tipo di materiale che preferiscono ricevere (i generi cui sono o non sono interessati, sinossi, biografia, file di dimensioni inferiori a…).

in bocca al lupo! E se hai bisogno di due dritte per aumentare le tue chance di pubblicazione scrivimi a silviapillin@gmail.com. La prima consulenza è gratuita